Concluso il primo Corso di Alta Formazione in “Competitive Intelligence”

Nuovo grande successo il Primo Corso di Alta Formazione, unico in Italia, in “Competitive Intelligence – I° Livello”.

Il Corso, organizzato dall’Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe e dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” – Dipartimento di Ingegneria Elettronica, ha avuto l’obiettivo di illustrare e fornire gli elementi necessari per la comprensione della materia Competitive Intelligence e di come questa possa essere un valido strumento di supporto primario per la strategia aziendale.

La Dott.ssa Alessia Gianaroli, dell’Osservatorio, ha introdotto la competitive intelligence e le sue finalità, nonché la differenza tra dato, informazione e intelligence. Il suo intervento, inoltre, ha introdotto la sicurezza delle informazioni dal punto di vista informatico ma anche come approccio olistico alla gestione delle informazioni aziendali.

A seguire l’Ing. Leonardo Quattrocchi, ha illustrato il concetto Marketing Intelligence, quale, in un’ottica di crescita aziendale, fenomeno di analisi e lancio dei prodotti sul mercato ed esame del comportamento dei consumatori e dei potenziali concorrenti. L’Ing. Quattrocchi inoltre, ha analizzato i limiti e le potenzialità delle fonti informative open sources oramai ampiamente disponibili, in particolare su internet, fornendo ai corsisti numerosi strumenti per le ricerche sul web. Questo al fine di fornire alle aziende gli elementi per un’efficiente strategia aziendale che non riguardi solo il mercato dei beni di consumo o dei servizi, ma anche le scelte di localizzazione delle unità operative, la scelta e l’assunzione di elevati profili professionali, l’analisi dei dati di bilancio, la sicurezza dei dati informatici o la sicurezza dei cittadini e del territorio.

In seguito, il Prof. Andrea Mazzitelli ha introdotto le differenze tra business intelligence, marketing intelligence e competitive intelligence, per poi affrontare in maniera puntuale l’analisi statistica dei dati raccolti attraverso le ricerche. Particolare attenzione è stata data al campionamento probabilistico e al campionamento nell’analisi quantitativa, fornendo anche strumenti per l’utilizzo e la costruzione di focus group. Il Professore, inoltre, ha spiegato i metodi di analisi della dipendenza e dell’interdipendenza, per poi affrontare il processo di raccolta e analisi dei dati nella azienda basandosi sulla differenza tra dati primari e dati secondari.

I corsisti hanno partecipato attivamente al corso, portando anche le loro esperienze nelle rispettive aziende. Il corso ha fornito, in modo sintetico ma esaustivo, gli strumenti necessari per comprendere, introdurre e gestire il possibile sviluppo dei principali strumenti per intraprendere la competitive intelligence per le aziende che ancora non conoscono questa strategia di business e per migliorare e gestire nel miglior modo possibile la competitive intelligence per le aziende che hanno già un’unità di business strategy, ma che intendevano formarsi sui nuovi scenari e sui nuovi strumenti di analisi.